Norma tecnica applicabile condizionatori split

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
mbellux
Messaggi: 79
Iscritto il: gio mag 17, 2007 18:09

Norma tecnica applicabile condizionatori split

Messaggio da mbellux »

Nella redazione di una dichiarazione di conformità per l'installazione di un condizionatore multisplit quale norma UNI va inserita alla voce "seguito la norma tecnica applicabile all'impiego" visto che nel mio caso non è necessario il progetto di un professionista?

scorpionrock
Messaggi: 350
Iscritto il: gio set 25, 2008 14:45

Re: Norma tecnica applicabile condizionatori split

Messaggio da scorpionrock »

UNI 9018 per impianti di refrigerazione acqua

UNI 8011 per impianti di refrigerazione a gas/liquido

luca70
Messaggi: 214
Iscritto il: mer giu 16, 2010 18:08
Località: Veneto

Re: Norma tecnica applicabile condizionatori split

Messaggio da luca70 »

da catalogo UNI:
"Norma UNI 8011:1979 + A108:1982 "

[RITIRATA CON SOSTITUZIONE] 24/01/03

Norma numero : UNI 8011:1979 + A108:1982
Titolo : Impianti frigoriferi. Prescrizione di sicurezza.
ICS : [27.200]
Stato : RITIRATA CON SOSTITUZIONE
Commissioni Tecniche : [CTI - Comitato Termotecnico Italiano]
Data entrata in vigore : 31 dicembre 1979
Data ritiro : 09 marzo 2006
Sommario : E applicabile agli impianti nuovi, agli ampliamenti e alle modifiche di impianti gia esistenti, cosi come ai vecchi impianti quando questi ultimi sono trasferiti e messi in funzione in un altro luogo. Sono ammesse eccezioni solo quando e assicurata una protezione equivalente. Si applica anche alla conversione di un impianto in previsione della sua utilizzazione con un altro fluido frigorigeno per esempio r 12, invece di r 40 o r 22 invece di ammoniaca. Le modifiche e le trasformazioni di impianti esistenti devono essere effettuata solo dal costruttore o da un installatore competente. Le prescrizioni di sicurezza, dove siano appropriate, si applicano a tutti i tipi di sistemi frigoriferi nei quali il fluido frigorigeno evapora e condensa in circuiti chiusi, comprese le pompe di calore e condensa i circuiti chiusi, comprese le pompe di calore e i sistemi ad assorbimento. Sono esclusi i sistemi che utilizzano acqua o aria come fluidi frigorigeni, cosi come le applicazioni che sono soggette a eventuali regolamenti speciali come, per esempio, quelle per le miniere o i trasporti ferroviari, stradali navali e aerei. I regolamenti speciali si sostituiscono e si aggiungono alla norma solo dove sono piu severi. Per i piccoli impianti e apparecchi assiemati in officina (refrigeratori, frigoriferi domestici, mobili frigoriferi commerciali, condizionatori d aria, ecc.) contenenti soltanto una piccola carica di fluido frigorigeno, in generale si applica soltanto parte della norma. Dove esistono prescrizioni CEI in merito, queste si applicano in aggiunta e/o in alternativa a quanto indicato. Classificazione di immobili e dei sistemi di raffreddamento. Fluidi frigorigeni e proprieta fisiche. Esigenze di utilizzazione e funzionamento. Appendice a: elenco con la distinzione dei dati generali, delle Include il foglio di aggiornamento 1982.

Sostituita da :

UNI EN 378-2:2002
UNI EN 378-1:2003
UNI EN 378-4:2003
UNI EN 378-3:2002 "

Luca

Rispondi