trasmittanze verso locali non riscaldati.

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Avatar utente
Manofthemoon
Messaggi: 1580
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:31
Località: Cuneo - provincia
Contatta:

trasmittanze verso locali non riscaldati.

Messaggio da Manofthemoon »

Quale essere la trasmittanza secondo il 192 delle pareti verso locali riscaldati, scale etc.. ?

Grazie.

Mirko
Messaggi: 31
Iscritto il: gio lug 20, 2006 09:41

Messaggio da Mirko »

Il DLgs 192/05 ha imposto limiti di tasmittanza su strutture verso l'esterno e verso locali non dotati di impianto di riscaldamento come scale, cantine, sottotetti, ecc.. (i limiti li puoi vedere a seconda della zona climatica all'Allegato C) e un limite di 0,8 per i divisori verticali (questo solo per le zone dalla C alla F).

Avatar utente
kira
Messaggi: 98
Iscritto il: mar nov 21, 2006 15:53

nel caso di un vano scala

Messaggio da kira »

Ciao a tutti, ho un dubbio sul vano scala.
Verificando il FEP dell'intero edificio dovrei teoricamente non considerare le trasmittanze limite e quindi il mio vano scala potrebbe essere delimitato solamente da muri in poroton e dalla rampa in cls (molto disperdente) su vano non riscaldato (ripostiglio)....Sono però un però incerta perchè in ho letto che sarebbe bene comunque garantire il limite di U= 0,8 per pareti e pavimenti del vano scala ma in relatà è un pò assurdo chiedere al committente di mettere un pannello isolante sotto la rampa per di più in un ripostiglio della cantina!!!!E se invece considerassi come pavimento disperdente del vano scala la rampa + vuoto del ripostiglio + pavimento su vespaio con delta t = 20 - 8 (temp terreno) = 12 ° C??? :roll:

Avatar utente
ilverga
Messaggi: 1977
Iscritto il: gio ott 05, 2006 17:42
Località: prov. MI

Messaggio da ilverga »

E, a questo punto, metto altra carne al fuoco:

(premetto che tendo sempre, per quanto possibile, a verificare il Fep)

i portoncini d'ingresso (blindati e no) verso vani scala non riscaldati...come vi comportate? Stando alla legge, andrebbe verificato il minimo 0,8 ma ho grossi dubbi di trovare produttori di porte per interno che dichiarino una trasmittanza tale...

qualcuno sa essere utile a questa mia piccola curiosità??

Scox
Messaggi: 539
Iscritto il: mer ago 30, 2006 19:57

Re: nel caso di un vano scala

Messaggio da Scox »

DLgs 192 2005
Allegato "I"
5. Nei casi previsti al comma 1, se gli edifici e le opere sono progettati e realizzati nel rispetto dei limiti fissati ai commi 6, 7 e 8, e per gli impianti
termici è assicurato un rendimento medio stagionale omiss...

9. Per gli edifici della categoria E1 da realizzarsi in zona climatica C, D, E ed F il valore della trasmittanza (U) del divisorio verticale tra alloggi o unità immobiliari confinanti deve essere inferiore o uguale a 0,8 W/m2K.

Il comma 5 fa riferimento ai soli commi 6, 7 e 8, ma non al comma 9; il comma 9 va seguito sia che uno scelga la strada del FEP sia che scelga la strada dei commi 6, 7 e 8.
Il vano scala se interno, non è ne un alloggio, ne una unità immobiliare confinante, quindi la parete che lo divide dai vari appartamenti non deve seguire le specifiche del comma 9.

La cosa peggiore è che la parete che divide il vano scale dagli appartamenti rientra solamente nel comma 6 ...


DLgs 192 2005
Allegato "I"
6. Per tutte le categorie di edifici, così come classificati in base alla destinazione d'uso all'articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, ad eccezione della categoria E.8, il valore della trasmittanza termica (U) per le strutture opache verticali, a ponte termico corretto, delimitanti il volume riscaldato verso l'esterno, ovvero verso ambienti non dotati di impianto di riscaldamento, deve essere inferiore o uguale a quello riportato nella tabella 2 al punto 2 dell'allegato C al presente decreto in funzione della fascia climatica di riferimento. Omiss...

dato che il vano scale, è un "ambiente non dotato di impianto di riscaldamento"; però a questo punto, l' U della struttura deve essere ben inferiore a 0,8[W/m²K].
Ritengo e spero che le porte non siano considerate come "strutture verticali opache".
Questo è un sito dove , con orgoglio affermano di realizzare dei portoncini di ingresso con U pari a 0,73[W/m²K].
http://www.internorm.it/cps/rde/xchg/in ... aleAttr=it

Credo inoltre, quasi con assoluta certezza, che il vano scala, e le cantine confinanti con il pavimento degli appartamenti riscaldati al piano terra, debbano essere inseriti nei calcoli, come "locale confinante non riscaldato" calcolandone le dispersioni, per ottenere la famosa temperatura del locale confinante. (Io quasi mai o mai)

Avatar utente
kira
Messaggi: 98
Iscritto il: mar nov 21, 2006 15:53

Messaggio da kira »

Grazie per la risposta, in definitiva se calcolo il fep (e non verifico le tramittanze minime) il mio vano scala può essere delimitato da strutture che disperdono anche più di 0.8 :lol:
Patty


Punta sempre alla luna, male che vada avrai vagabondato fra le stelle..

Avatar utente
ilverga
Messaggi: 1977
Iscritto il: gio ott 05, 2006 17:42
Località: prov. MI

Messaggio da ilverga »

Scox, sono d'accordo con te su QUASI tutto:

"Ritengo e spero che le porte non siano considerate come "strutture verticali opache".

Come le classifichi? Io, parlando con softweristi del settore (che non sono della società di questo forum :oops: :oops: ), mi hanno dato certezza di dover classificarle come strutture verticali opache...

concludo col dire che tale classificazione non mi piace nè mi convince...

SuperP
Messaggi: 9424
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Messaggio da SuperP »

Io i serramenti esterni ciechi li considero come serramenti senza vetro (anche se in realtà metto 1cm2 di vetro altrimenti il soft EC 501 da problemi). In questo caso posso giustamente considerare il PT serramento-muro e non ho da fare la verifica della condensa, che è necessaria per le pareti

Scox
Messaggi: 539
Iscritto il: mer ago 30, 2006 19:57

Messaggio da Scox »

Quando si parla di calcoli strutturali, normalmente ci si riferisce alle murature, siano esse di qualsiasi tipo, e non alle porte.
Se così non fosse, e si scegliesse di seguire la strada degli "U", nel mio caso, sarei obbligato ad adottare, per le porte, un "U" pari a 0,46[W/m²K].
Ogni hanno vado a visitare la fiera "casa clima" a Bolzano, piccola ma compressa, dove si vedono applicati i VERI isolamenti ed il massimo che ho trovato per le porte, fa riferimento al sito già postato, ossia "U" pari a 0,73[W/m²K].
Io definirei le porte come "chiusure opache", prendendo la parola chiusure dalle finestre, e la parola opache dalle strutture.
Del resto per ottenere un valore di "U" pari a 0,46[W/m²K], sarebbero necessari, almeno 75[mm] circa, di polistirene tra due strati di alluminio, ma io non ho mai visto una tale tipologia costruttiva se non nelle celle frigorifere, dove per altro, si va anche oltre.
L'aternativa sarebbe quella di utilizzare la doppia porta :cry: .

Scox
Messaggi: 539
Iscritto il: mer ago 30, 2006 19:57

Messaggio da Scox »

Nel programma che io utilizzo, le porte, siano esse interne che esterne, vengono trattate entrambe, separatamente.
L'unica struttura che non tratta purtroppo, sono le finestre interne, che probabilmente capitano solo a me.

sale2000
Messaggi: 102
Iscritto il: mer gen 31, 2007 16:07

Messaggio da sale2000 »

Scox ha scritto:Quando si parla di calcoli strutturali, normalmente ci si riferisce alle murature, siano esse di qualsiasi tipo, e non alle porte.
Se così non fosse, e si scegliesse di seguire la strada degli "U", nel mio caso, sarei obbligato ad adottare, per le porte, un "U" pari a 0,46[W/m²K].
Ogni hanno vado a visitare la fiera "casa clima" a Bolzano, piccola ma compressa, dove si vedono applicati i VERI isolamenti ed il massimo che ho trovato per le porte, fa riferimento al sito già postato, ossia "U" pari a 0,73[W/m²K].
Io definirei le porte come "chiusure opache", prendendo la parola chiusure dalle finestre, e la parola opache dalle strutture.
Del resto per ottenere un valore di "U" pari a 0,46[W/m²K], sarebbero necessari, almeno 75[mm] circa, di polistirene tra due strati di alluminio, ma io non ho mai visto una tale tipologia costruttiva se non nelle celle frigorifere, dove per altro, si va anche oltre.
L'aternativa sarebbe quella di utilizzare la doppia porta :cry: .


SCUSA SE TIRO FUORI UN VECCHIO ARGOMENTO, MA TU O VOI CONOSCETE LA STRATRIGRAFIA DI UNA PORTA + O - STANDARD O DA DOVE ANDARLA A TROVARE IN QUALCHE SITO?
GRAZIE

Rispondi