UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Normativa nazionale, contabilizzazione dei consumi, ripartizione delle spese

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Avatar utente
Lurensh
Messaggi: 264
Iscritto il: sab ott 11, 2014 11:32

UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Messaggio da Lurensh »

Buongiorno a tutti,
Mi stavo studiando la nuova 10200 per via di alcuni lavori che devo fare e arrivato al paragrafo sull'energia termica utile fornita dal sottosistema di generazione noto che sono scomparsi i coefficienti di ripartizione k (kcli e kacs).

Premettendo che io sapevo che installare contatori di calore in centrale termica non fosse obbligatorio, nel paragrafo 8.2 il normatore scrive "In particolare occorre, ove possibile, dotare il generatore di almeno n-1 contatori [...] così da poter eventualmente determinare, per differenza, il contributo corrispondente al servizio sprovvisto".
E qui sembra voler dire: il condominio è obbligato a mettere un contatore di calore (vaglielo a spiegare al condominio)

Nello stesso paragrafo però, successivamente scrive: "in assenza dei contatori, la valutazione del metodo deve essere effettuata in sede di progetto, in relazione alla complessità dell'impianto ed alla stabilità del calcolo". Cioè? Secondo voi riprendersi i coefficienti k è un'ipotesi? Mi creo dei coefficienti k basati sul consumo reale e non sul fabbisogno?

Voi come avete interpretato questo aspetto?

a_brettyou
Messaggi: 824
Iscritto il: dom ago 16, 2009 08:41

Re: UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Messaggio da a_brettyou »

Lo definirei paraculismo normativo.
Lurensh ha scritto:
ven dic 14, 2018 15:39
occorre, ove possibile,
di conseguenza
Lurensh ha scritto:
ven dic 14, 2018 15:39
in assenza dei contatori,

ovvero dove non è possibile.
Il normatore pensò: ci sono casi ove non è possibile? Forse no, ma se ce ne fossero... meglio pararci...

Avatar utente
Lurensh
Messaggi: 264
Iscritto il: sab ott 11, 2014 11:32

Re: UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Messaggio da Lurensh »

a_brettyou ha scritto:
sab dic 15, 2018 21:06
Lo definirei paraculismo normativo.
Lurensh ha scritto:
ven dic 14, 2018 15:39
occorre, ove possibile,
di conseguenza
Lurensh ha scritto:
ven dic 14, 2018 15:39
in assenza dei contatori,

ovvero dove non è possibile.
Il normatore pensò: ci sono casi ove non è possibile? Forse no, ma se ce ne fossero... meglio pararci...
Tuttavia ad un convengo il presidente di ANTA ha confermato che non è obbligatorio installare contatori di calore in CT... :?:

Tom Bishop
Messaggi: 2023
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Messaggio da Tom Bishop »

Sto analizzando un caso di un edificio costruito nel 2016, progetto del 2015. Unica pompa di calore che fornisce energia per il riscaldamento e l'acqua calda sanitaria. Era obbligatoria l'installazione in centrale dei misuratori di energia fornita ai singoli servizi? Il mio dubbio è che l'utilizzo dei coefficienti kcli e kacs non consenta un riparto in base ai consumi effettivi del fabbricato. Principio sancito dal D.Lgs.102/14. Insieme alla proprietà sto valutandone l'installazione. Il dubbio è se tale ripartizione doveva già essere prevista nel progetto.
Tom Bishop

ST.SIM
Messaggi: 233
Iscritto il: ven feb 24, 2017 10:50

Re: UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Messaggio da ST.SIM »

Ho in mano un progetto di una nuova centrale termica ibrida (pompa di calore + caldaia) con puffer inerziale, bollitore sanitario e moduli d'utenza per ogni unità abitativa.
Noto nel progetto che non c'è il contatore di calore linea riscaldamento e nemmeno sulla linea acqua calda sanitaria.
La mia domanda è se in questa configurazione di centrale termica è obbligatorio il contatore di calore in CT per il riscaldamento ?? e il contatore di calore in CT per acqua calda sanitaria ??
A me risulta che non è obbligatorio il contatore di calore CT ne per riscaldamento ne per acs.
Qualcuno mi sa dare informazioni più precise in merito ??

savenz
Messaggi: 4
Iscritto il: gio ago 27, 2020 10:48

Re: UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Messaggio da savenz »

Se non sono obbligatori i contatori di calore per Riscaldamento e per ACS, come si dovrà procedere a calcolare l'Energia totale fornita dalla Centrale?
Caso esempio di una Centrale per 24 unità immobiliari con:
- Pozzo Geotermico
- Due Pompe di Calore
- Accumulo per Riscaldamento da 1,5 m3
- Accumulo per ACS da 2,0 m3
- Misuratori di Energia Termica per Riscaldamento all'ingresso di ogni unità
- Misuratori volumetrici per ACS all'ingresso di ogni unità.

Dall'email ricevuta dal CTI (dott. Merlini) il 26-ott-2018 si dice:
"secondo la nuova UNI 10200, pubblicata a catalogo UNI l'11 ottobre m.c., la formula che definisce l'energia termica utile fornita dal generatore, in questo caso una pompa di calore, è la formula 11. Tale formula prevede la differenza tra la lettura finale (L2) del contatore di calore di energia elettrica dedicato al singolo generatore e la lettura iniziale (L1), moltiplicata per il rendimento, ovvero il COP. Distinti saluti Mattia Merlin"
Qualcuno mi sa dire come fare in pratica? Ho solo un contatore di energia elettrica per tutta la Centrale.
Grazie.

Tom Bishop
Messaggi: 2023
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Messaggio da Tom Bishop »

savenz ha scritto:
gio ago 27, 2020 17:23

Qualcuno mi sa dire come fare in pratica? Ho solo un contatore di energia elettrica per tutta la Centrale.
Grazie.
Fai montare sull'alimentazione della PDC un misuratore di energia.
Tom Bishop

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4728
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Messaggio da NoNickName »

savenz ha scritto:
gio ago 27, 2020 17:23
Tale formula prevede la differenza tra la lettura finale (L2) del contatore di calore di energia elettrica dedicato al singolo generatore e la lettura iniziale (L1), moltiplicata per il rendimento, ovvero il COP.
Siccome però il COP non è costante, ma varia nel tempo seguendo in maniera inversamente proporzionale la temperatura esterna, tale prodotto diventa un integrale definito, dove COP è una funzione della temperatura esterna.
Quindi non è empiricamente calcolabile. Sempre meglio mettere un contatore di energia termica sui tubi dell'acqua, per evitare questi pasticci.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

savenz
Messaggi: 4
Iscritto il: gio ago 27, 2020 10:48

Re: UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Messaggio da savenz »

Tom Bishop, le due pompe di calore funzionano a volte per le utenze e a volte per ACS. Quindi non saprei ripartire quanta energia per l'uno e per l'altro. L'unico modo sarebbe in % dei consumi volontari. Ma quanto affidabile questo sistema?

savenz
Messaggi: 4
Iscritto il: gio ago 27, 2020 10:48

Re: UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Messaggio da savenz »

NoNickName, grazie per il commento.
Ma quanto incide sul risultato della ripartizione il fatto di utilizzare un COP medio: uno per Riscaldamento, uno per raffrescamento e uno per ACS?

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4728
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: UNI 10200:2018 - obbligo contatore di calore in CT?

Messaggio da NoNickName »

savenz ha scritto:
sab ago 29, 2020 11:58
NoNickName, grazie per il commento.
Ma quanto incide sul risultato della ripartizione il fatto di utilizzare un COP medio: uno per Riscaldamento, uno per raffrescamento e uno per ACS?
Se potessimo valutare a priori la percentuale di errore, sapremmo immediatamente come ottenere un risultato esatto.
L'incidenza è indeterminata e variabile, difficilmente modellabile nella realtà, a differenza di quanto sostiene Merlini, che modella il COP teorico e poi lo moltiplica per il consumo elettrico reale..
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

Rispondi