Info calcolo fabbisogno termico

Normativa nazionale, contabilizzazione dei consumi, ripartizione delle spese

Moderatore: Edilclima

Rispondi
sonus.faber
Messaggi: 17
Iscritto il: lun dic 12, 2016 01:17

Info calcolo fabbisogno termico

Messaggio da sonus.faber »

Se non ho capito male (scusate, ma non sono esperto di questa materia):
- nel caso della presenza di una certificazione asseverata che dimostra la non convenienza economica nell'installare sistemi di termoregolazione e contabilizzazione
- ed in aggiunta della presenza di appartamenti tra i quali vi sia uno squilibrio superiore al 50%

come si dovrà effettuare la ripartizione delle spese riscaldamento?
Immagino sempre e solo con il vecchio metodo (millesimo riscaldamento o metri cubi da scaldare ecc... ).

Corretto?

Inoltre: il calcolo del fabbisogno termico delle singole unità è fatto sullo stato in cui si trovava l'edificio all'atto della costruzione oppure nello stato in cui si trova oggi (dove c'è chi ha messo doppi vetri, chi ha coinbentato le pareti esterne piuttosto che il sotto tetto o i soffitti dei semi interrati).

Grazie molte.

Avatar utente
mz54
Messaggi: 45
Iscritto il: dom feb 12, 2017 11:35

Re: Info calcolo fabbisogno termico

Messaggio da mz54 »

Se dimostri la non convenienza economica (sia diretta che indiretta) decade anche il punto D) relativo al ricalcolo dei millesimi, quindi i millesimi possono rimanere come adesso e non serve nessuna certificazione della differenza del 50%.
Fonte Socal http://cosmoformazione.it/offerta-forma ... el-calore/
Se mi mandi in privato la tua mail, ti posso fornire la registrazione di quanto affermato.

Avatar utente
mz54
Messaggi: 45
Iscritto il: dom feb 12, 2017 11:35

Re: Info calcolo fabbisogno termico

Messaggio da mz54 »

sonus.faber ha scritto:
mer apr 12, 2017 10:02
...il calcolo del fabbisogno termico delle singole unità è fatto sullo stato in cui si trovava l'edificio all'atto della costruzione oppure nello stato in cui si trova oggi...
L'interpretazione di Socal (sempre al corso sopra citato) e' che va fatto nello stato attuale in questo senso:
- se quasi tutti hanno i doppi vetri, allora si considerano tutti doppi vetri;
- stesso discorso per le pareti nel caso fosse stato aggiunto un cappotto.
Cioe' si dovrebbe considerare lo stato prevalente dell'edificio.
In caso di aggiunta di cappotto, i millesimi andrebbero ricalcolati.

Rispondi