radiatori su misura

Normativa nazionale, contabilizzazione dei consumi, ripartizione delle spese

Moderatore: Edilclima

Rispondi
panama
Messaggi: 5
Iscritto il: gio ott 22, 2015 04:42

radiatori su misura

Messaggio da panama »

Salve, ho un appartamento con radiatori a colonna in acciaio su misura, cioè con altezza fuori tabella.
Come posso calcolare la potenza per la parametrizzazione?
Grazie.

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4385
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: radiatori su misura

Messaggio da NoNickName »

panama ha scritto:Salve, ho un appartamento con radiatori a colonna in acciaio su misura, cioè con altezza fuori tabella.
Come posso calcolare la potenza per la parametrizzazione?
Grazie.
Con il metodo dimensionale.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

panama
Messaggi: 5
Iscritto il: gio ott 22, 2015 04:42

Re: radiatori su misura

Messaggio da panama »

Ringrazio però non riesco ad individuare la tipologia nella tabella UNI 10200.
Sono radiatori tubolari.
Grazie

jerryluis
Messaggi: 2396
Iscritto il: mer apr 04, 2007 20:46
Località: Nella Regione delle Banane

Re: radiatori su misura

Messaggio da jerryluis »

Ti devi inventare una collocazione in funzione degli standard previsti... e questa è l'apoteosi di un sistema di riparto pressoché inventato!
Ora diventerò un coso per usare la cosa+, domani la la cosa++ e chissà a quando la cosa super+ ....
ma a me interessa tutt'altra cosa .....

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4385
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: radiatori su misura

Messaggio da NoNickName »

panama ha scritto:Ringrazio però non riesco ad individuare la tipologia nella tabella UNI 10200.
Sono radiatori tubolari.
Grazie
Essendo tubolari calcoli la potenza in maniera dimensionalmente proporzionale alla superficie laterale dei tubi.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

Rispondi