Diretta indiretta

Normativa nazionale, contabilizzazione dei consumi, ripartizione delle spese

Moderatore: Edilclima

Rispondi
girondone
Messaggi: 10153
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Diretta indiretta

Messaggio da girondone »

Sappiamo che la legge dicefai la diretta. E se non puoi fai l indiretta.

Ok

Può essere che avendo troppi lavori da fare x poter fare la diretta si opti per l indiretta?
In quel caso servirebbe una relazione con calcoli 15459
(Ora posso sbagliare il numero) per giustificare la cosa?

O non serve nulla

Avatar utente
jack66
Messaggi: 352
Iscritto il: mer gen 27, 2016 17:53

Re: Diretta indiretta

Messaggio da jack66 »

Per troppi lavori intendi opere murarie?
Io onestamente in questi casi parto secco col progetto e all'interno dello stesso spiego il perchè ho fatto l'indiretta. Ma mi limito ad usare come giustificativo il prospetto della 10200 riferito alla diretta (dove ci sono le stelline per capirci)

girondone
Messaggi: 10153
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Diretta indiretta

Messaggio da girondone »

Si intendevo quello
Grazie

a_brettyou
Messaggi: 669
Iscritto il: dom ago 16, 2009 08:41

Re: Diretta indiretta

Messaggio da a_brettyou »

girondone ha scritto:Può essere che avendo troppi lavori da fare x poter fare la diretta si opti per l indiretta?
In quel caso servirebbe una relazione con calcoli 15459
(Ora posso sbagliare il numero) per giustificare la cosa?
Serve, serve... Almeno secondo i Dlgs...
Prova a rileggere le arzigogolate lettere b e c
- Se tecnicamente si può fare la diretta deve essere fatta quella.
- Solo se c'è non convenienza (dimostrata) si passa alla indiretta.

girondone
Messaggi: 10153
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Diretta indiretta

Messaggio da girondone »

Bene
Era infatti la.conclusione raggiunta con il.collega

Avatar utente
jack66
Messaggi: 352
Iscritto il: mer gen 27, 2016 17:53

Re: Diretta indiretta

Messaggio da jack66 »

Non avendo trovato l'argomento specifico riapro questo se non altro perchè il titolo si presta...
Condominio con montanti passanti nelle cucine, e anelli orizzontali interni agli alloggi, con stacchi e valvole anche ben accessibili, sarebbe perfetto per la diretta se non fosse che il primo radiatore si stacca direttamente dalle colonne e tal volta anche quello della stanza affianco.
L'assemblea ha già deliberato per la diretta parallelamente all'installazione di ripartitori e termostatiche sui radiatori che rimangono a monte del contatermie.
Non mi pare che esistano prescrizioni per una contabilizzazione ibrida ma vi chiedo se avete avuto esperienze similari e come vi siete comportati.

Avatar utente
jack66
Messaggi: 352
Iscritto il: mer gen 27, 2016 17:53

Re: Diretta indiretta

Messaggio da jack66 »

Nessuna esperienza???...dai non siate timidi

Avatar utente
redHat
Messaggi: 1302
Iscritto il: mer giu 05, 2013 09:35
Località: Genova

Re: Diretta indiretta

Messaggio da redHat »

Esperienze fatte ma dato che qualsiasi metodo utilizzi costituisce una approssimazione si è un pò restii a parlarne. La bozza di norma ha ora regolamentato i casi misti ma sempre ricorrendo ad approssimazioni.

marcello60
Messaggi: 1159
Iscritto il: gio mag 17, 2007 19:09

Re: Diretta indiretta

Messaggio da marcello60 »

Sto trattando casi simili, dove però la quota contabilizzata direttamente rappresenta un piccola parte del totale.

Esempio: condominio a colonne montanti in gran parte con termoconvettori e radiatori e piccola parte ventilconvettori. Su questi ultimi ho previsto l'installazione di contatori a lettura diretta.
In sede di lettura e riparto a consuntivo, penso di procedere mediante differenza: detraggo dai kWh misurati in CT il valore dell'involontario (determinato con la 10200), poi detraggo i kWh misurati direttamente e quello che rimane lo ripartisco con le UR dei ripartitori.

Credo che nel tuo caso il problema sia il fatto che la quota contabilizzata direttamente sia la gran parte. Se così fosse, ragionando per differenze come sopra, credo che si rischi di amplificare il margine di errore con cui si determina la quota di kWh da ripartire con i ripartitori.

Avatar utente
jack66
Messaggi: 352
Iscritto il: mer gen 27, 2016 17:53

Re: Diretta indiretta

Messaggio da jack66 »

Si ...è anche il mio timore che ci possano essere delle sorprese di questo tipo e che rimanga una fetta grossa fatta anche di consumi "involontari" da ripartire sui radiatori rimasti fuori dalla diretta

Avatar utente
jack66
Messaggi: 352
Iscritto il: mer gen 27, 2016 17:53

Re: Diretta indiretta

Messaggio da jack66 »

Volendo osare un calcolo che risponda in qualche misura alle norme visto che la contabilizzazione mista parrebbe non essere esplicitamente vietata.
Ipotizzando un condominio con dieci alloggi, tutti con contatori diretti sullo stacco dalle colonne dentro casa, ma con il primo radiatore che sfugge al conteggio perchè direttamente derivato dalle colonne e dotati di ripartitori, dovrei calcolare la quota involontaria a mezzo del Kinv e a consuntivo confrontare tale valore col risultato della differenza tra il totale contabilizzato in CT e la somma dei contatermie in capo agli alloggi. Tale differenza dovrebbe constare delle perdite di distribuzione + il contributo dei radiatori non contabilizzati dunque sottraendo a tale valore consuntivo il mio valore TEORICO ottenuto col Kinv dovrei ottenere i kWh da ripartire in base ai ripartitori sui radiatori rimasti fuori dal conto.
Pur rendendomi conto che è un pessimo modo di procedere, secondo voi normativamente regge?
Rimane da capire come comportarsi se dovesse risultare un Delta negativo da attribuire ai radiatori rimasti fuori

marcello60
Messaggi: 1159
Iscritto il: gio mag 17, 2007 19:09

Re: Diretta indiretta

Messaggio da marcello60 »

In linea teorica il discorso potrebbe andare, ma il problema è proprio quello che dici:
lavorando per differenza, con componenti che sono in parte misurate e in parte teoriche, è molto facile che si arrivi a un valore presunto di consumi volontari per i radiatori non allacciati alla cont. diretta fortemente aleatorio o addirittura negativo.

Avatar utente
jack66
Messaggi: 352
Iscritto il: mer gen 27, 2016 17:53

Re: Diretta indiretta

Messaggio da jack66 »

Ok...ma convieni che normativamente parlando è la strada giusta con una contabilizzazione mista a prevalentemente diretta? Oppure si deve arrivare per forza all'aut aut diretta totale o indiretta totale per ragioni tecniche economiche?

marcello60
Messaggi: 1159
Iscritto il: gio mag 17, 2007 19:09

Re: Diretta indiretta

Messaggio da marcello60 »

Per logica credo di si, anche se sulla 10200 non mi sembra di aver letto indicazioni specifiche sulla ripartizione mista.

Avatar utente
jack66
Messaggi: 352
Iscritto il: mer gen 27, 2016 17:53

Re: Diretta indiretta

Messaggio da jack66 »

Assolutamente...infatti il ragionamento parte dal fatto che non è esplicitamente vietata e per certi versi si effettua correntemente ma quando è prevalentemente indiretta (es. termoboiler). Fossi nel CTI vieterei la contabilizzazione mista prevalentemente diretta per i problemi cui ai messaggi precedenti

marcello60
Messaggi: 1159
Iscritto il: gio mag 17, 2007 19:09

Re: Diretta indiretta

Messaggio da marcello60 »

concordo

Rispondi