accesso autonomo da corte a comune

Agevolazioni previste, documentazione richiesta, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
ponca
Messaggi: 1366
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da ponca »

se ad un'abitazione unifamiliare (libera su 4 lati e con impianti autonomi) si accede da una corte a comune, niente 110?
direi di no, la corte non è di proprietà esclusiva per cui la circolare sembra escludere questa possibilità

sto osservando in questi giorni che questa limitazione dell'accesso è abbastanza restrittiva
soprattutto non mi sembra un criterio troppo logico per dire chi può beneficiare di una detrazione

La presenza, inoltre, di un «accesso autonomo dall’esterno», presuppone, ad
esempio, che «l’unità immobiliare disponga di un accesso indipendente non
comune ad altre unità immobiliari chiuso da cancello o portone d’ingresso che
consenta l’accesso dalla strada o da cortile o giardino di proprietà esclusiva»[/i

boba74
Messaggi: 282
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da boba74 »

Faccio un'osservazione critica alla definizione.
Se questo edificio libero su 4 lati avesse un giardino privato, a cui si accede direttamente dall'abitazione tramite una porta (ad esempio sul retro), non ho forse un accesso esclusivo da giardino privato?
Chi lo dice che deve essere per forza l'ingresso principale? O che il giardino privato debba a sua volta comunicare con una strada? :roll:

ponca
Messaggi: 1366
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da ponca »

boba74 ha scritto:
lun set 07, 2020 16:27
Faccio un'osservazione critica alla definizione.
Se questo edificio libero su 4 lati avesse un giardino privato, a cui si accede direttamente dall'abitazione tramite una porta (ad esempio sul retro), non ho forse un accesso esclusivo da giardino privato?
Chi lo dice che deve essere per forza l'ingresso principale? O che il giardino privato debba a sua volta comunicare con una strada? :roll:
Quindi se l'accesso è da cortile/giardino di proprietà esclusiva, secondo te è ininfluente il fatto che l'accesso al cortile/giardino avvenga da strada pubblica o da una proprietà condominiale (strada/vialetto condominiale)?

non so, ci sta anche la tua interpretazione
ma se l'accesso al cortile/giardino avviene da strada/condominiale poi si può parlare di "accesso indipendente non comune ad altre unità immobiliari"?

TRT
Messaggi: 3
Iscritto il: sab set 05, 2020 08:07

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da TRT »

Ma quale sarebbe la ragione di penalizzare chi magari ha solamente un pezzetto di strada (magari solamente gli ultimi 2 metri) in comune con altri? non riesco a capirlo... poi magari hanno un cancelletto pedonale che da sulla strada pubblica allora così va bene... bhooo
L'80% delle villette a schiera ha il corsello in comune con gli altri...tanto valeva allora escluderle tutte..

ponca
Messaggi: 1366
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da ponca »

chiederei un parere all'Enea, poi di sicuro usciranno chiarimenti
il problema sono i lavori che ci sottopongono adesso

L'Enzo
Messaggi: 502
Iscritto il: mar ago 28, 2007 20:34

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da L'Enzo »

Questo aspetto lo deve chiarire una volta ENEA, non può essere Ade che disciplina su un aspetto prettamente non fiscale.

Inoltre ripeto, quanto già scritto altrove, la circolare Ade riporta ".....ad esempio...." cosa significa?

Terminus
Messaggi: 8981
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da Terminus »

Ma state parlando di una unifamiliare, non di una assimilata ?
Perchè allora tutte queste menate sull'accesso esclusivo non servono.

Alebos
Messaggi: 178
Iscritto il: sab ago 29, 2020 15:22

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da Alebos »

ponca ha scritto:
lun set 07, 2020 16:57
boba74 ha scritto:
lun set 07, 2020 16:27
Faccio un'osservazione critica alla definizione.
Se questo edificio libero su 4 lati avesse un giardino privato, a cui si accede direttamente dall'abitazione tramite una porta (ad esempio sul retro), non ho forse un accesso esclusivo da giardino privato?
Chi lo dice che deve essere per forza l'ingresso principale? O che il giardino privato debba a sua volta comunicare con una strada? :roll:
Quindi se l'accesso è da cortile/giardino di proprietà esclusiva, secondo te è ininfluente il fatto che l'accesso al cortile/giardino avvenga da strada pubblica o da una proprietà condominiale (strada/vialetto condominiale)?

non so, ci sta anche la tua interpretazione
ma se l'accesso al cortile/giardino avviene da strada/condominiale poi si può parlare di "accesso indipendente non comune ad altre unità immobiliari"?
Quoto questa osservazione semplicemente perchè c è un accesso da proprietà esclusiva... quella corte comune vale tanto quanto una strada privata o pubblica che sia... ( in molti aggiungono alla parola strada l aggettivo “ pubblica” che non stà scritto da nessuna parte

Alebos
Messaggi: 178
Iscritto il: sab ago 29, 2020 15:22

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da Alebos »

Terminus ha scritto:
lun set 07, 2020 19:47
Ma state parlando di una unifamiliare, non di una assimilata ?
Perchè allora tutte queste menate sull'accesso esclusivo non servono.
Anche questo è vero 🤣🤣🤣!
Peró sembra, così descritto, il tipico caso di un abitazione all interno di un residence... no?

Stefano LL
Messaggi: 165
Iscritto il: ven ago 03, 2007 10:35

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da Stefano LL »

Faccio un'osservazione critica alla definizione.
Se questo edificio libero su 4 lati avesse un giardino privato, a cui si accede direttamente dall'abitazione tramite una porta (ad esempio sul retro), non ho forse un accesso esclusivo da giardino privato?
Chi lo dice che deve essere per forza l'ingresso principale? O che il giardino privato debba a sua volta comunicare con una strada?
Non è forzato secondo me. Si parla di uno o più, perciò è ovvio che non tutti gli accessi possono essere i principali.
Ma per quanto dico per le villette a schiera che sarebbe opportuno coinvolgere un geometra per acquistare e regolarizzare catastalmente ognuno il proprio subalterno di accesso, credo che questa cosa dell'accesso da spazio privato la toglieranno

ponca
Messaggi: 1366
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da ponca »

Terminus ha scritto:
lun set 07, 2020 19:47
Ma state parlando di una unifamiliare, non di una assimilata ?
Perchè allora tutte queste menate sull'accesso esclusivo non servono.
Per ricadere nella definizione di unità unifamiliare devi comunque verificare che ci sia un accesso autonomo dall'esterno.

Sbaglio?

Terminus
Messaggi: 8981
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da Terminus »

Se è un edificio a se stante e con unica unità immobiliare, è unifamiare tout-court, senza necessità di verificare le condizioni di assimilabilità.

ponca
Messaggi: 1366
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da ponca »

Però nella definizione di edificio unifamiliare del decreto requisiti tecnici è comunque richiamato il requisito dell'accesso autonomo.

Se non c'è accesso autonomo secondo me l'edificio non rientra nella definizione di unifamiliare.
Ultima modifica di ponca il gio set 10, 2020 14:01, modificato 2 volte in totale.

Terminus
Messaggi: 8981
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da Terminus »

Si in effetti nel DM hanno mischiato le carte.
Nella Legge però mi sembra che la cosa sia scritta in modo diverso:
1) edificio indipendente (condominiale o unifamiliare)
2) unità immobiliare in edificio plurifamiliare assimilabile ad unifamiliare a quelle condizioni

ponca
Messaggi: 1366
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da ponca »

il problema è che un edificio di questo tipo, che di fatto è unifamiliare ma non ha accesso autonomo dalla strada non può chiedere il 110 come edificio unifamiliare perchè non rientra nella definizione
ma non può chiederlo neppure come edificio condominiale dal momento che non ci sono nè impianti centralizzati nè facciate comuni

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4728
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da NoNickName »

ponca ha scritto:
gio set 10, 2020 13:59
il problema è che un edificio di questo tipo, che di fatto è unifamiliare ma non ha accesso autonomo dalla strada non può chiedere il 110 come edificio unifamiliare perchè non rientra nella definizione
ma non può chiederlo neppure come edificio condominiale dal momento che non ci sono nè impianti centralizzati nè facciate comuni
art. 1117 Codice Civile. Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, anche se aventi diritto a godimento periodico e se non risulta il contrario dal titolo, tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune, come il suolo su cui sorge l'edificio, le fondazioni, i muri maestri, i pilastri e le travi portanti, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni di ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili e le facciate.

Quindi nel momento in cui, anche in una bifamiliare, esiste uno o più degli elementi citati ad esempio nell'art 1117 è già costituito un condominio di fatto.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

Seamew
Messaggi: 769
Iscritto il: mer dic 06, 2006 08:40

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da Seamew »

Mi inserisco e porto un esempio...
Edificio composto da 5 unità immobiliari...di cui:
- 3 hanno accesso esclusivo indipendente
- 2 non hanno accesso esclusivo indipendente
Bene...mi chiama il proprietario di una unità CON accesso esclusivo....OK tu puoi fare il 110 % e ragioniamo SOLO sulla sua unità immobiliare...
Poi mi chiama il proprietario di una unità che NON ha accesso esclusivo...mi dispiace TU non puoi fare il 110% e se lo vuoi fare dobbiamo ragionare sull'INTERO edificio come se fosse un condominio...
In sintesi...e questo è il mio dubbio...in un edificio plurifamiliare mi basta verificare la condizioni di accesso SOLO di una unità a cui interessa il 110%, oppure le condizioni di accesso esclusivo devono valere anche per tutte le altre che compongono l'edificio? a prescindere o meno che poi fanno il 110.
Così a naso mi vien da dire SI 110% le 3 unità, Ecobonus 65% le altre due unità....voi cosa ne pensate?

Grazie per l'attenzione....

girondone
Messaggi: 10786
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da girondone »

si da sole singolarmente chi è indip ecc ( salvo tutti i dubbi ch eio ancora ho)

oppure si tutti come condominio

Seamew
Messaggi: 769
Iscritto il: mer dic 06, 2006 08:40

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da Seamew »

girondone ha scritto:
gio set 10, 2020 15:33
oppure si tutti come condominio
intendi le verifiche energetiche sull'intero edificio (come se fosse un condominio)...poi però ognuno paga e detrae le proprie spese nei limiti dei montanti spesa.

Terminus
Messaggi: 8981
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da Terminus »

Si, peccato che per avere parti comuni devi prima avere due proprietari diversi.

ponca
Messaggi: 1366
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da ponca »

NoNickName ha scritto:
gio set 10, 2020 15:08
ponca ha scritto:
gio set 10, 2020 13:59
il problema è che un edificio di questo tipo, che di fatto è unifamiliare ma non ha accesso autonomo dalla strada non può chiedere il 110 come edificio unifamiliare perchè non rientra nella definizione
ma non può chiederlo neppure come edificio condominiale dal momento che non ci sono nè impianti centralizzati nè facciate comuni
art. 1117 Codice Civile. Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, anche se aventi diritto a godimento periodico e se non risulta il contrario dal titolo, tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune, come il suolo su cui sorge l'edificio, le fondazioni, i muri maestri, i pilastri e le travi portanti, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni di ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili e le facciate.

Quindi nel momento in cui, anche in una bifamiliare, esiste uno o più degli elementi citati ad esempio nell'art 1117 è già costituito un condominio di fatto.
si, ma forse non ci siamo capiti
ok, è costituito un condominio perchè le singole unità condividono la corte comune di accesso ma dal momento che la corte è l'unica parte a comune del condominio non ho nessun elemento condominiale da riqualificare

non posso fare il 110 come unifamiliare (non ho accesso autonomo)
non posso fare neppure il 110 come condominio (non ho parti comuni ad eccezione della corte)

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4728
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da NoNickName »

Se la corte è in comune, è un condominio, con ciò che ne consegue.
Di chi è la proprietà del fondo su cui si erige l'edificio?
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

ponca
Messaggi: 1366
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da ponca »

NoNickName ha scritto:
gio set 10, 2020 19:22
Se la corte è in comune, è un condominio, con ciò che ne consegue.
Di chi è la proprietà del fondo su cui si erige l'edificio?


non discuto che si tratti di un condominio visto che questi fabbricati condividono una corte
ma se facciate/coperture/impianti non sono comuni e l'unico bene condiviso è la corte non esistono interventi trainanti per il 110

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4728
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da NoNickName »

ponca ha scritto:
gio set 10, 2020 19:35
non discuto che si tratti di un condominio visto che questi fabbricati condividono una corte
ma se facciate/coperture/impianti non sono comuni e l'unico bene condiviso è la corte non esistono interventi trainanti per il 110
La domanda l'ho fatta perché magari invece la proprietà della corte è documentalmente suddivisa nei rispettivi atti di proprietà, e quindi non è in comune. Al più si costituisce una servitù di passaggio.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

vinz75
Messaggi: 258
Iscritto il: ven ago 07, 2020 18:49

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da vinz75 »

ponca ha scritto:
gio set 10, 2020 13:59
il problema è che un edificio di questo tipo, che di fatto è unifamiliare ma non ha accesso autonomo dalla strada non può chiedere il 110 come edificio unifamiliare perchè non rientra nella definizione
ma non può chiederlo neppure come edificio condominiale dal momento che non ci sono nè impianti centralizzati nè facciate comuni
Ottimo quesito per ADE!

Giovanni1949
Messaggi: 1
Iscritto il: mar set 15, 2020 07:54

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da Giovanni1949 »

Buongiorno a tutti, mi inserisco nella discussione riportando il mio caso.
Ho un appartamento funzionalmente indipendente sito all'interno di un edificio plurifamiliare (3unità), questo appartamento è collegato da una corte alla strada pubblica. Quindi uscendo dal mio portoncino di casa indipendente sono in questa corte che è stata divisa in 3 "strisce" orizzontali che portano alla strada pubblica. Divisa nel senso che catastalmente ogni striscia è di propiretà esclusiva del proprietario della singola unità immobiliare. Praticamente ogni proprietario ha una striscia di 2 metri di larghezza che porta alla strada.
La mia domanda è: rientro nel 110% per il solo mio appartamento?, bisogna secondo voi dividere fisicamente questa corte (in base ai già presenti confini teorici-cartacei) e mettere un cancellino alla fine che da sulla strada in modo da renderla esclusiva in tutti i sensi?
Grazie.

umstudio
Messaggi: 158
Iscritto il: ven set 23, 2016 14:43

Re: accesso autonomo da corte a comune

Messaggio da umstudio »

Ad oggi temo nessuno abbia una risposta certa a questa domanda

Rispondi