Misurazione ambientale consiglio

Normativa acustica, rumore in ambienti lavorativi, Legge 447/95, DPCM 5.12.97, DLgs 195/06, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
AcusticaMente
Messaggi: 18
Iscritto il: sab giu 16, 2018 20:09

Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da AcusticaMente » mar lug 30, 2019 11:51

Salve a tutti e grazie in anticipo per le risposte. Mi ritrovo, su richiesta di un cliente, a dover effettuare una misurazione ambientale per contestare la vicinanza rumorosa di alcuni macchinari esterni di condizionamento lasciati accesi tutto il giorno. Il cliente è in una vicina abitazione e lamenta rumori continui dovuti ad essi.
Non ho ancora effettuato sopralluogo ma, prima di buttarmi a capofitto, chiedo alcuni consigli perché, da quello che ho capito, non sarà possibile accendere e spegnere i macchinari in modo da effettuare le due misurazioni diurne e notturne. Detto questo, come procedereste? Inoltre credo che il comune in questione non abbia un piano di zonizzazione acustica..
Grazie a tutti per l’aiuto

ponca
Messaggi: 857
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da ponca » mar lug 30, 2019 11:55

i macchinari sono a servizio di un'attività produttiva/commerciale o di un'abitazione?
di che tipo di macchinario si tratta? unità esterna di un condizionatore o qualcosa di più grande?

AcusticaMente
Messaggi: 18
Iscritto il: sab giu 16, 2018 20:09

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da AcusticaMente » mar lug 30, 2019 13:20

Si sono numerose macchine esterne di condizionatori a servizio di un’attività commerciale
Grazie

morrissey
Messaggi: 218
Iscritto il: ven apr 27, 2012 10:45

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da morrissey » mer lug 31, 2019 12:48

Senza sopralluogo non è che hai tanti elementi…
Detto questo, l’esistenza della zonizzazione è poco importante perché il differenziale si applica lo stesso.
Per quanto riguarda le sorgenti, se l’obiettivo è quello di valutare il disturbo, le puoi considerare anche tutte insieme per fare un esposto al comune. Se poi sono tutte di una sola attività commerciale…
Se invece devi vedere quale di queste disturba di più è più difficile se non puoi agire su esse: l’unico modo è misurare tanto e vedere accensioni e spegnimenti (se possibile).
Per la valutazione del residuo è più complicato ma ci sono le possibilità cercando posizioni acusticamente analoghe, oppure sovrastimando il residuo durante le pause di alcune sorgenti: se già così hai superamenti puoi anche dire, motivando adeguatamente, che con un residuo più basso c’è il disturbo

AcusticaMente
Messaggi: 18
Iscritto il: sab giu 16, 2018 20:09

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da AcusticaMente » gio ago 08, 2019 16:09

morrisey grazie per ora. Ti farò sicuramente sapere i risultati al più presto.
Saluti e grazie

AcusticaMente
Messaggi: 18
Iscritto il: sab giu 16, 2018 20:09

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da AcusticaMente » gio set 05, 2019 17:28

Salve, dopo sopralluoghi e misurazioni mi trovo davanti ad un caso in cui sia in orario notturno che in orario diurno le misurazioni e rispettive differenze superano i limiti di 3 e 5 db col criterio differenziale e i 3 db con quello comparativo, con motore acceso e spento, finestre aperte e chiuse ecc.. Il piano di zonizzazione prevede per quell'area un max di 40 e 50 db rispettivamente per gli orari notturno e diurno. In entrambi i casi però le rilevazioni sono al di sotto, anche se di poco, dei limiti previsti dal piano di zonizzazione. In questo caso la sorgente del rumore è comunque in regola?
Attendo vostre..
Grazie

morrissey
Messaggi: 218
Iscritto il: ven apr 27, 2012 10:45

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da morrissey » sab set 07, 2019 11:35

Da quello che dici sei in I o II, ma non vanno confusi i limiti di emissione e immissione con i limiti differenziali.
E stai attento alla soglia di applicabilità del differenziale.
Se il livello ambientale è superiore alla soglia di applicabilità e il differenziale è quello che dici la sorgente non è comunque in “regola” se rispetta immissione e emissione.
L’unica eccezione è se è un impianto a ciclo continuo e anche lì con le debite puntualizzazioni, ma dubito che in classe I o II ci sia un impianto di questo tipo

AcusticaMente
Messaggi: 18
Iscritto il: sab giu 16, 2018 20:09

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da AcusticaMente » lun set 09, 2019 09:56

La classe rappresenta il primo problema. il comune in questione ha una relazione di classificazione ma non ho avuto ancora l'opportunità di visionare elaborati grafici. Suppongo che, trattandosi di un'area a bassa densità e destinata principalmente a turismo estivo, quindi occupata da villette e strutture alberghiere, sia in classe II e, secondo la relazione del piano di zonizzazione acustica, con limiti pari a 55 e 45 db.
Per quanto riguarda le misurazioni ho livelli equivalenti pari, a motore spento e in periodo notturno, a 24.2 a finestra chiusa e con motore acceso a 34.4 db sempre a finestra chiusa.
Sempre in periodo notturno ho, a motore spento e finestra aperta Leq pari a 30.9 mentre a motore acceso ho Leq pari a 36.1 db
Dovrei rientrare nella soglia di applicabilità giusto?

morrissey
Messaggi: 218
Iscritto il: ven apr 27, 2012 10:45

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da morrissey » lun set 09, 2019 13:24

la soglia a finestre chiuse è 35 di giorno e 25 di notte quindi con quei livelli è applicabile.
con quei livelli hai 6 dB di differenziale. Frequenze dominanti?

morrissey
Messaggi: 218
Iscritto il: ven apr 27, 2012 10:45

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da morrissey » lun set 09, 2019 13:25

mi correggo, almeno 6 dB di differenziale

AcusticaMente
Messaggi: 18
Iscritto il: sab giu 16, 2018 20:09

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da AcusticaMente » lun set 09, 2019 15:58

Le dominanti sono le basse fino a 1000 hz

AcusticaMente
Messaggi: 18
Iscritto il: sab giu 16, 2018 20:09

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da AcusticaMente » mar set 10, 2019 08:55

Ne approfitto per comprendere bene la seguente frase del DPCM 14 novembre 1997
Grazie
2. Le disposizioni di cui al comma precedente non si applicano nei seguenti casi, in quanto ogni effetto
del rumore è da ritenersi trascurabile:
a) se il rumore misurato a finestre aperte sia inferiore a 50 dB(A) durante il periodo diurno e 40
dB(A)
durante il periodo notturno;
b) se il livello del rumore ambientale misurato a finestre chiuse sia inferiore a 35 dB(A) durante
il periodo
diurno e 25 dB(A) durante il periodo notturno.

Gius83
Messaggi: 121
Iscritto il: mar ott 18, 2016 19:02

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da Gius83 » mar set 10, 2019 17:34

Il criterio differenziale va applicato se anche una sola delle condizioni non è soddisfatta.
Ho sempre dato questa interpretazione e no ho avuto particolari contestazioni in merito.

morrissey
Messaggi: 218
Iscritto il: ven apr 27, 2012 10:45

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da morrissey » mar set 10, 2019 17:44

Se i livelli sono quelli da te indicati il differenziale si applica.
Per frequenze dominanti intendevo se ci sono toni puri penalizzabili.

morrissey
Messaggi: 218
Iscritto il: ven apr 27, 2012 10:45

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da morrissey » mar set 10, 2019 17:45

mi è partito l'invio...
il tono puro può esserci ma, dal punto di vista amministrativo (in punta di decreto), può non dare luogo a penalizzazione. il che non esclude la presenza del disturbo.

AcusticaMente
Messaggi: 18
Iscritto il: sab giu 16, 2018 20:09

Re: Misurazione ambientale consiglio

Messaggio da AcusticaMente » dom set 22, 2019 19:27

Buonasera, rispondo un po’ in ritardo. Qualche componente tonale c’è ma sovrapponendo alle isofoniche non risulta penalizzante e in altri casi nemmeno significative.
Credo sia andato tutto bene come terza consulenza acustica effettuata da novellino e con strumento comprato da poco :D
Grazie molte per gli aiuti, spero presto di essere anche io di aiuto agli altri che ne hanno bisogno

Rispondi