Impatto acustico sala conferenze

Normativa acustica, rumore in ambienti lavorativi, Legge 447/95, DPCM 5.12.97, DLgs 195/06, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Gius83
Messaggi: 114
Iscritto il: mar ott 18, 2016 19:02

Impatto acustico sala conferenze

Messaggio da Gius83 » lun nov 12, 2018 12:05

Buongiorno a tutti voi, chiedo la vostra opinione in merito alla seguente richiesta in quanto mi capita per la prima volta: per una sala conferenze viene richiesta la valutazione (anche previsionale) di impatto acustico. In tale sala, oltre che normali conferenze è probabile che, solo sporadicamente vengano organizzati manifestazioni temporanee con musica dal vivo. Il locale in esame confina strutturalmente solo con l'edificio di propria pertinenza, mentre il ricettore all'esterno è rappresentato ad un ufficio adibito ad uffici posto a circa 30 metri dalla facciata della sala conferenze.
Nella sala è stato condotto uno studio preliminare finalizzato ad ottenere un buon tempo di riverbero ma non l'impatto acustico. Onestamente la richiesta mi sembra abbastanza insolita, come lo affrontereste con DPCM 14/11/97, DPCM 215/99 ?
Grazie mille.

Faber
Messaggi: 23
Iscritto il: gio feb 08, 2018 18:40

Re: Impatto acustico sala conferenze

Messaggio da Faber » mar nov 13, 2018 08:58

Non conosco le dimensioni dell'intervento e non so neppure se la sala si troverà all'interno di un complesso esistente.
Io proverei a valutare l'impatto degli eventuali impianti esterni (UTA, …).
Inoltre, si potrebbe valutare l'impatto acustico del rumore antropico e del traffico indotto.
Infine, se si trova a confine di unità immobiliari diverse, andrebbe verificato l'impatto acustico del rumore interno verso questi ambienti confinanti.
Spesso si tratta di semplici considerazioni, ma sono sufficienti per rispondere alla richiesta...

Gius83
Messaggi: 114
Iscritto il: mar ott 18, 2016 19:02

Re: Impatto acustico sala conferenze

Messaggio da Gius83 » mar nov 13, 2018 09:35

Ciao Faber grazie per la risposta. Per quanto riguarda gli impianti sono tutti all'interno di un giardino di pertinenza dell'edificio molto distante (qualche centinaio di metri) dai ricettori. L'edificio si trova in centro storico e non ha partizioni in comune con fabbricati di non pertinenza. Personalmente ritengo che si debba valutare l'impatto acustico prodotto dagli impianti audio e come giustamente dici anche l'antropico. Per quest'ultimo aspetto è necessario fare delle ipotesi abbastanza azzardate direi; probabilmente tale contributo è più significativo in un coffe break oppure all'inzio/fine della conferenza.

morrissey
Messaggi: 218
Iscritto il: ven apr 27, 2012 10:45

Re: Impatto acustico sala conferenze

Messaggio da morrissey » sab nov 17, 2018 09:42

Per l’impianto elettroacustico considererei il valore massimo che è previsto dal 215 (per cautela).
Per il rumore antropico è vero che devi fare delle ipotesi (la dinamica della voce supera anche i 30 dB) ma in letteratura trovi gli spettri del parlato in varie condizioni (normale, elevato, forte, urlato) che puoi utilizzare per le considerazioni del caso.
In generale i modellatori ti consentono di inserire la persona che parla come sorgente, e nel tuo caso proverei a fare delle casistiche (conferenza, concerto, ecc.).
poi, come dice Faber, c'è il traffico indotto e gli impianti e considererei anche l'eventuale tragitto che gli spettatori devono fare per entrare se prossimo a ricettori.
È comunque ovvio che una volta definiti i livelli interni, non si può evitare di considerare i dati di isolamento delle strutture di contorno.

Gius83
Messaggi: 114
Iscritto il: mar ott 18, 2016 19:02

Re: Impatto acustico sala conferenze

Messaggio da Gius83 » gio dic 20, 2018 15:14

Vi ringrazio per le preziose risposte e relativi contributi. Potreste darmi qualche riferimento in più per la stima previsionale della voce amplificata del relatore che sarà dotato di microfono? Per la platea considero un livello di pressione sonora pari a 60/65 dB(A) ad un metro dalla persona anche se il maggiore contributo deriverà da momenti di pausa (esempio pausa caffè) che verranno svolti in sale attigue. L'unico infisso della sala prospicente la facciata del ricettore sarà collocato alle spalle del relatore ad una distanza di circa 3 metri. Le casse dell'impianto elettroacustico saranno indirizzate verso la platea e quindi in senso opposto rispetto al serramento suddetto. I componenti opachi sono costituiti da murature in mattone pieno avente spessore di circa 1 metro e serramento con vetro doppio.
Grazie

francesco.gorgi
Messaggi: 1
Iscritto il: lun set 23, 2019 19:45

Re: Impatto acustico sala conferenze

Messaggio da francesco.gorgi » mar set 24, 2019 19:41

Salve,
Per prima cosa andrei a definire a titolo previsionale i giorni e le ore della settimana in cui la sala sarà utilizzata.
Questo per tener conto eventualmente anche del pre-festivo e festivo ...a tal proposito che ne pensate?
Naturalmente la valutazione preliminare la farei a sala piena di persone nel tempo relativo, per calcolarne il rumore plateattico.
Per gli strumenti musicali tener conto dei limiti previsti dalle norme di pubblico spettacolo.
Per calcolare il lp del parlato secondo il mio punto di vista questo valore si alza più sono le persone (vedi che su un ristorante pieno, con un alto tempo di riverbero, si supera anche i 75 dB(A)...

Rispondi