sanatoria e acustica

Normativa acustica, rumore in ambienti lavorativi, Legge 447/95, DPCM 5.12.97, DLgs 195/06, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
barabba
Messaggi: 216
Iscritto il: mer mag 18, 2011 21:49

sanatoria e acustica

Messaggio da barabba » mer apr 10, 2019 14:36

1) In caso di un edificio realizzato ad inizio anni 90 (prima del 95 comunque), soggetto adesso ad accertamento di conformità per piccole difformità che però non riguardano opere che modifichino o pregiudichino i requisiti acustici passivi (che so, lo spostamento di un tramezzo interno), secondo voi i requisiti acustici passivi possono essere richiesti dal comune? Per me no, indipendentemente da un'eventuale doppia conformità, perchè all'epoca di costruzione il requisito non c'era.
2) Stesso edificio, ma questa volta di tipo ricreativo (discoteca per esempio), sempre realizzata 30 anni fa, pure condonata negli anni 90, quindi in possesso di titolo autorizzativo. Non è mai stato fatto l'impatto acustico, ora il proprietario deve fare un accertamento di conformità anche qui per sanare poca roba, che comunque non va a modificare nulla dal punto di vista acustico (sempre tramezzi). Il comune può richiedere l'impatto acustico? Secondo me sì, visto che non ce n'è uno precedente a cui riferirsi, il collega tecnico rilevatore invece dice di no perchè non c'è nessuna modifica dal punto di vista acustico quindi in questa fase non dobbiamo produrre nulla al riguardo.
Opinioni in merito?

ponca
Messaggi: 735
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: sanatoria e acustica

Messaggio da ponca » mer apr 10, 2019 14:50

sul punto 1 concordo con te (edificio ante 97 e modifiche da sanare non significative ai fini dell'isolamento acustico)
il punto 2 mi pare più delicato, concordo con il tuo collega a patto che l'attività non abbia subito modifiche

morrissey
Messaggi: 205
Iscritto il: ven apr 27, 2012 10:45

Re: sanatoria e acustica

Messaggio da morrissey » gio apr 11, 2019 12:32

Una cosa sono i formalismi buroindotti ed una cosa sono i livelli sonori.
Come si fa a dire che nulla è cambiato se nulla si sapeva sugli effetti del rumore generato dalla discoteca ai ricettori? È una cosa che vale magari per i requisiti acustici passivi; quando si parla di impatto acustico è bene che un accertamento venga fatto, anche come verifica, a maggior ragione se prima non c'era niente, anche per prevenire potenziali criticità ed eventualmente porre in atto dei correttivi.
Non si può, da tecnici, ragionare sempre sulle carte che vanno prodotte…e in merito a questo se la ragione sociale cambia (e presumo che il caso di specie sia questo) l'impatto va fatto

barabba
Messaggi: 216
Iscritto il: mer mag 18, 2011 21:49

Re: sanatoria e acustica

Messaggio da barabba » ven apr 12, 2019 22:15

Esatto, anche secondo me non posso affermare che non sia cambiato nulla, proprio perchè a livello di impatto acustico nulla è stato protocollato, quindi non c'è uno stato di fatto.
Per i requisiti è un po' più semplice: lì qualcosa di autorizzato e protocollato c'è, quindi è possibile fare un confronto.
Comunque al momento non c'è nessun cambio di gestore, quindi il comune dovrebbe chiedere l'impatto proprio in fase di accertamento di conformità, non con il cambio di gestione...

Rispondi