raccordi a pressare in rame in abitazione

Normativa per gli impianti gas, Legge 46/90, Delibera AEEG 40/04, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
MariaM
Messaggi: 14
Iscritto il: dom gen 03, 2016 14:01

raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da MariaM » mar feb 27, 2018 11:55

Mi hanno messo in casa una quindicina di metri di tubo di gas in rame a vista con raccordi a pressare, per alimentare la cucina. E' vero che questo tipo di raccordo è vietato in casa, o è comunque sconsigliato perché poco sicuro e perché deve essere periodicamente sottoposto a controlli? Siccome il lavoro non è del tutto finito, come alternativa, volendo sempre tenere il tubo a vista, voi cosa mi consigliate? E anche per le diverse curve che ci sono.

Avatar utente
grifo68
Messaggi: 735
Iscritto il: ven feb 24, 2012 13:02
Località: Genova

Re: raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da grifo68 » mar feb 27, 2018 13:12

nessun divieto, quel tipo di raccordi va bene anche all'interno delle abitazioni purchè i locali siano aerati o aerabili (è sufficiente che ci sia una finestra) come per qualsiasi raccordo non saldato. Per quel che riguarda la sicurezza, beh se sono installati bene da personale qualificato e nel rispetto della norma e delle istruzioni del fabbricante non ci sono problemi (ma questo vale per tutti i sistemi di giunzione... una saldatura o una brasatura fatte male o un giunto filettato non guarnito correttamente o disassato sono peggio di un raccordo a pressare ben fatto), per quel che riguarda i controlli periodici, a meno che il costruttore dei raccordi non abbia indicato qualcosa di diverso nelle istruzioni (cosa di cui comunque l'installatore deve informarti nel libretto di uso e manutenzione che deve rilasciarti insieme alla Dichiarazione di Conformità) valgono le tempistiche previste dalla 11137 (ogni 10 anni)... e comunque ogni volta che viene il manutentore della caldaia dovrebbe fare una prova di tenuta... che poi non la facciano è un altro discorso :wink:

iltubo
Messaggi: 641
Iscritto il: lun lug 07, 2008 16:22
Località: CO

Re: raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da iltubo » mar feb 27, 2018 13:17

Mi hai preceduto :D di un soffio.
Quoto tutto

MariaM
Messaggi: 14
Iscritto il: dom gen 03, 2016 14:01

Re: raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da MariaM » mar feb 27, 2018 14:10

Potresti darmi qualche aggiunta sul controllo da fare e ogni quanto? Non mi hanno detto nulla circa queste tempistiche e prove. Così so cosa devo chiedere all'installatore. E come faccio a sapere se nelle istruzioni nel prodotto c'erano indicazioni differenti?
Ho letto una discussione di qualche anno fa viewtopic.php?t=7613 dalla quale sembrava in dubbio se fosse consentito o meno di usare i raccordi a pressare nel rame in casa e avevo capito che la UNI 7128/08 non lo consentisse, mentre la UNI/TS 11147/08 sì. Adesso invece non ci sono più questi dubbi? Avevo anche capito che i raccordi di questo tipo hanno una sorta di scadenza e che dopo si doveva rimettere mano alla tubazione... Mi era comunque sembrato che questo tipo di raccordo fosse sconsigliato, perché meno sicuro di altri.

Avatar utente
grifo68
Messaggi: 735
Iscritto il: ven feb 24, 2012 13:02
Località: Genova

Re: raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da grifo68 » mar feb 27, 2018 14:44

iltubo ha scritto:
mar feb 27, 2018 13:17
Mi hai preceduto :D di un soffio.
Quoto tutto
8) 8) :P

Avatar utente
grifo68
Messaggi: 735
Iscritto il: ven feb 24, 2012 13:02
Località: Genova

Re: raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da grifo68 » mar feb 27, 2018 14:59

MariaM ha scritto:
mar feb 27, 2018 14:10
Potresti darmi qualche aggiunta sul controllo da fare e ogni quanto? Non mi hanno detto nulla circa queste tempistiche e prove. Così so cosa devo chiedere all'installatore. E come faccio a sapere se nelle istruzioni nel prodotto c'erano indicazioni differenti?
Ho letto una discussione di qualche anno fa viewtopic.php?t=7613 dalla quale sembrava in dubbio se fosse consentito o meno di usare i raccordi a pressare nel rame in casa e avevo capito che la UNI 7128/08 non lo consentisse, mentre la UNI/TS 11147/08 sì. Adesso invece non ci sono più questi dubbi? Avevo anche capito che i raccordi di questo tipo hanno una sorta di scadenza e che dopo si doveva rimettere mano alla tubazione... Mi era comunque sembrato che questo tipo di raccordo fosse sconsigliato, perché meno sicuro di altri.
la 7129/2015 ha ricompreso la 11147 nel proprio ambito di applicazione, quindi oramai la "vecchia" 11147, che era una norma sperimentale, è serenamente spirata. Tu in qualità di committente non hai l'onere di conoscere il contenuto del manuale di istruzioni del costruttore del sistema di giunzione, ma è l'installatore che nel "libretto di uso e manutenzione" di cui parlavo prima (attenzione: da non confondere con il libretto di impianto per tutto l'ambaradan di cui alle norme sull'efficienza energetica....) deve specificare determinate cose... il consiglio è quello di chiederglielo esplicitamente.
La 7129/08 in effetti non ricomprendeva la 11147 nel proprio ambito di applicazione, e quindi l'installatore avrebbe dovuto specificare anche quella ulteriore norma nei suoi allegati obbligatori, ad oggi non serve più, si cita la 7129/2015 e stop.
Poi sul fatto che i raccordi a pressare siano più o meno consigliati ripeto quel che ti ho scritto prima... io personalmente non li amo, ma è una mia fisima professionale. Per gli impianti uso domestico come il tuo a tutti gli effetti non è che ci siano grosse differenze rispetto ai "vecchi" giunti meccanici sul rame tipo biconi. Parlane con l'installatore, se è persona preparata sa di cosa parli, se nel momento in cui gli chiedi di consegnarti il "libretto di uso e manutenzione" casca dalle nuvole, o peggio ti parla del libretto di impianto, allora significa che non è preparatissimo. Tu comunque hai diritto di pagargli la fattura al momento della consegna della Dichiarazione di Conformità completa di tutti gli allegati

Avatar utente
grifo68
Messaggi: 735
Iscritto il: ven feb 24, 2012 13:02
Località: Genova

Re: raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da grifo68 » mar feb 27, 2018 16:42

io personalmente non li amo
una precisazione... il "non li amo" non è riferito ai raccordi in se, ma al fatto che sembrano più semplici da installare e quindi possono indurre l'installatore in errore. Ribadisco che se ben posizionati da persone coscienziose e professionalmente preparate non presentano nessun rischio aggiuntivo rispetto ad una qualunque giunzione "tradizionale"

MariaM
Messaggi: 14
Iscritto il: dom gen 03, 2016 14:01

Re: raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da MariaM » mar feb 27, 2018 17:26

Ti ringrazio.
Allora se ho capito, per il gas devo richiedere il Libretto di Uso e Manutenzione, e invece per la caldaia, siccome hanno messo anche quella, il Libretto di Impianto.
Se non chiedo troppo, in vista dei futuri controlli di tenuta periodici e del controllo decennale che hai citato, come avvengono le prove per un impianto domestico con caldaia e cucina? Non ne ho mai visto fare uno...
Che l'installatore sia stato coscienzioso, lo spero, però non ho strumenti per dirlo con certezza.

giobibo
Messaggi: 567
Iscritto il: dom feb 03, 2008 18:26
Località: AT

Re: raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da giobibo » mar feb 27, 2018 18:09

Questa presentazione ti può dare l'idea di come si deve fare la prova di tenuta
http://climatec.info/PDF/Normative/11137-2012.pdf

MariaM
Messaggi: 14
Iscritto il: dom gen 03, 2016 14:01

Re: raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da MariaM » mer feb 28, 2018 11:19

Ok, grazie.

Avatar utente
grifo68
Messaggi: 735
Iscritto il: ven feb 24, 2012 13:02
Località: Genova

Re: raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da grifo68 » mer feb 28, 2018 17:05

MariaM ha scritto:
mar feb 27, 2018 17:26
Ti ringrazio.
Allora se ho capito, per il gas devo richiedere il Libretto di Uso e Manutenzione, e invece per la caldaia, siccome hanno messo anche quella, il Libretto di Impianto.
Se non chiedo troppo, in vista dei futuri controlli di tenuta periodici e del controllo decennale che hai citato, come avvengono le prove per un impianto domestico con caldaia e cucina? Non ne ho mai visto fare uno...
Che l'installatore sia stato coscienzioso, lo spero, però non ho strumenti per dirlo con certezza.
esatto, il libretto di uso e manutenzione riguarda l'intero impianto gas (compreso il piano cottura) e dovrebbe essere fatto più o meno così (non esistono modelli "ministeriali" quindi il formato ogni installatore lo fa un po' come vuole ma il contenuto dovrebbe essere quello)

http://www.impiantienergie.it/phocadown ... ermico.pdf

il libretto di impianto invece riguarda la sola caldaia e l'installatore deve fare la prima compilazione ed inviare in via informatica la scheda identificativa dell'impianto al catasto impianti della tua regione.

Per il resto a parte l'utilissimo documento che ha indicato Giobibo (grazie Gio, molto interessante :wink: ) nessun "comune mortale" ha la possibilità di capire se un installatore ha fatto bene il suo lavoro (ma vale anche per gli impianti elettrici e per qualsiasi altro impianto o lavoro per cui ci si affida ad un professionista), infatti l'unico onere che il DM 37/08 da al committente è quello di verificare che l'impresa cui si affidano i lavori sia qualificata (devi verificare che nella visura camerale abbiano l'indicazione delle abilitazioni di cui alle lettere C ed E del DM 37/08)

MariaM
Messaggi: 14
Iscritto il: dom gen 03, 2016 14:01

Re: raccordi a pressare in rame in abitazione

Messaggio da MariaM » sab mar 03, 2018 12:06

Grazie per le utili notizie.
Non sapevo che l'installatore dovesse inviare questa scheda identificativa a un apposito catasto regionale, pensavo che dovesse consegnare il libretto a me e basta. Lo faccio presente.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti