Canna fumaria coassiale per apparecchio tipo C

Normativa per gli impianti gas, Legge 46/90, Delibera AEEG 40/04, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Mattesan
Messaggi: 428
Iscritto il: mer set 19, 2007 15:44

Canna fumaria coassiale per apparecchio tipo C

Messaggio da Mattesan »

il mio caso è questo, un appartamento su 2 piani , al piano terra cucina con caldaia tipo C; in fase di progetto era stato predisposta una canna coassiale per lo scarico fumi e presa, l'idraulico mi dice che non può mettere il coassiale perchè non può essere più lunga di 4m e se faccio un tratto in orizzontale questa altezza si riduce....???ma questa cosa è vera ?e allora mi ha detto che mette un canale di presa di 80mm e uno scarico di 130mm....
un'altra cosa, a livello puramente informativo, se sono in cucina e abbiamo il piano cottura classico più una caldaia tipo C in locale dotato di finesta; servono 2 prese d'aria 1 a terra e 1 a soffitto di sez. minimna 100 cm2? oppure ne basta solo 1?

dove posso trovare qualcosa che ne parla...

Colin Caldwell
Messaggi: 621
Iscritto il: lun lug 16, 2007 13:10
Località: Varese

Messaggio da Colin Caldwell »

Scusa anche rileggendo non ho capito bene, per coassiale parli di canna fumaria condominiale o di condotto scarico fumi?

se non ho capito male si tratta di una canna fumaria inserita dentro un altro condotto che fa da intercapedine per le prese d'aria delle caldaie, ma allora cosa centrano i 4 mt? le canne fumarie per caldaie di tipo C ( sia esterne doppia parete che interne intubate, possono ricevere fino a 7+1 caldaie )

spiegati meglio.

Per quel che riguarda la cucina, in presenza di caldaia di tipo C il foro d'areazione deve avere una superficie di minimo 100 cmq se la cucina ha la termocoppia e la presa d'aria è realizzata a filo pavimento ( se realizzata a filo soffitto maggiorata del 50%)

Se la cucina non ha la termocoppia, la presa d'aria deve essere maggiorata del 100% ( se realizzata a filo soffitto ulteriore 50%).

Ricorda che per norma le cucine devo no essere dotata di cappa con sbocco all'esterno.

Se non è possibile installare la cappa, bisogna creare un'ulteriore presa d'aria, collocarla a filo soffitto e dotarla di elettroventilatore d'espulsione con conseguente maggiorazioni delle prese d'aria

Se la
Ma perchè in italia siamo tutti esperti?

megaing
Messaggi: 430
Iscritto il: mer giu 06, 2007 16:09

Messaggio da megaing »

La norma di riferimento per l'aerazione e la ventilazione dei locali di installazione di apparecchi a gas con P < 35 kW è la 7129/2001. Il condotto coassiale di scarico dei fumi e di presa d'aria della caldaia murale, dovrebbe essere fornito direttamente dal produttore della caldaia, che dovrebbe anche indicarne la lunghezza massima (orizzontale e verticale) da non superare per il funzionamento ottimale della caldaia stessa.

Mattesan
Messaggi: 428
Iscritto il: mer set 19, 2007 15:44

Messaggio da Mattesan »

Colin Caldwell ha scritto:Scusa anche rileggendo non ho capito bene, per coassiale parli di canna fumaria condominiale o di condotto scarico fumi?

se non ho capito male si tratta di una canna fumaria inserita dentro un altro condotto che fa da intercapedine per le prese d'aria delle caldaie, ma allora cosa centrano i 4 mt? le canne fumarie per caldaie di tipo C ( sia esterne doppia parete che interne intubate, possono ricevere fino a 7+1 caldaie )

spiegati meglio.

Per quel che riguarda la cucina, in presenza di caldaia di tipo C il foro d'areazione deve avere una superficie di minimo 100 cmq se la cucina ha la termocoppia e la presa d'aria è realizzata a filo pavimento ( se realizzata a filo soffitto maggiorata del 50%)

Se la cucina non ha la termocoppia, la presa d'aria deve essere maggiorata del 100% ( se realizzata a filo soffitto ulteriore 50%).

Ricorda che per norma le cucine devo no essere dotata di cappa con sbocco all'esterno.

Se non è possibile installare la cappa, bisogna creare un'ulteriore presa d'aria, collocarla a filo soffitto e dotarla di elettroventilatore d'espulsione con conseguente maggiorazioni delle prese d'aria

Se la
Scusami.. cerco di spiegarmi meglio,io ho solo una caldaia... che è posizionata al piano terra di un fabbricato a 2 piani, il tubo di scarico deve passare per forza interno al fabbricato in una controparete che viene creata apposta, in fase esecutiva era stato pensato di utilizzare una canna coassiale , di diametro 130 mm fino a tetto, purtroppo l'altezza fino allo sbocco è quasi 6 metri e facendo fare anche alcune curve al tubo si creano delle perdite di carico e quindi l'idraulico mi ha detto che non lo può montare il coassiale perchè non garantisce la funzionalità della caldaia, allora abbiamo deciso di utilizzare due tubazioni in acciaio inox, una di 130 coibentata che va a tetto con comignolo per lo scarico fumi, e un'altro condotto che va a parete a prendere aria dall'esterno di 80mm...
Leggendo sul depliant della caldaia La CALDARIELLO della RIELLO onestamente c'è scritto che infatti è sconsigliato il coassiale sopra i 4,5m... però adesso ho un altro dubbio..? li sul catalogo c'è scritto che basterebbe anche per lo scarico 80mm, invece il mio idraulico dice che passando in un cavedio la canna di scarico fumi deve essere almeno del 130mm, secondo la norma... ma dove è questa cosa.... certo se uno come me che è pochi mesi che si occupa di queste cose.. si deve sparare.. con tutte queste leggi, norme , decreti.....
ma perchè non esiste un bel testo unico con tutte le norme....
grazie...

Kalz
Messaggi: 2320
Iscritto il: gio feb 01, 2007 12:09
Località: Umbria centrale

Messaggio da Kalz »

invece il mio idraulico dice che passando in un cavedio la canna di scarico fumi deve essere almeno del 130mm, secondo la norma... ma dove è questa cosa.... certo se uno come me che è pochi mesi che si occupa di queste cose.. si deve sparare.. con tutte queste leggi, norme , decreti.....
ma perchè non esiste un bel testo unico con tutte le norme....

Il tuo idraulico da 130 mm per evitare che il condotto fumi all'interno del locale abitato UNI 10845, funzioni in sovrappressione cosa che avviene per condotti da 80 mm.
La 7129 e più specificatamente la 10845, dice che i condotti in sovrappressione o pressione positiva non devono essere all'interno dei locali abitati o addossati sulle pareti dei locali stessi
L'idraulico ha ragione, fermo restando che il cavedio ricavato deve essere areato alla base e alla sommità.

Mattesan
Messaggi: 428
Iscritto il: mer set 19, 2007 15:44

Messaggio da Mattesan »

Sempre riguardo alla ventilazione dei locali, mi voglio togliere un dubbio, ma se nella mia cucina io ho il piano cottura classico con termocoppia e una caldaia di tipo c, quante aperture necessito verso l'esterno?
considerando che la cappa della cucina è dotata di aspirazione di 100mm che va a tetto, basta un foro a 15-20cm del piano di calpestio di 100 cm2??? o ne devo fare anche uno in prossimita del soffitto???

Terminus
Messaggi: 8007
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Messaggio da Terminus »

Mattesan ha scritto:Sempre riguardo alla ventilazione dei locali, mi voglio togliere un dubbio, ma se nella mia cucina io ho il piano cottura classico con termocoppia e una caldaia di tipo c, quante aperture necessito verso l'esterno?
considerando che la cappa della cucina è dotata di aspirazione di 100mm che va a tetto, basta un foro a 15-20cm del piano di calpestio di 100 cm2??? o ne devo fare anche uno in prossimita del soffitto???
Il foro in basso serve per l'aria di combustione e va fatto sempre.
Quello in alto dovrebbe scongiurare l'accumulo di gas metano, quindi, anche se la 7129 sembra non ne preveda l'obbligo (ferma restando la cappa), io lo consiglio sempre.

Mattesan
Messaggi: 428
Iscritto il: mer set 19, 2007 15:44

Messaggio da Mattesan »

Terminus ha scritto:
Mattesan ha scritto:Sempre riguardo alla ventilazione dei locali, mi voglio togliere un dubbio, ma se nella mia cucina io ho il piano cottura classico con termocoppia e una caldaia di tipo c, quante aperture necessito verso l'esterno?
considerando che la cappa della cucina è dotata di aspirazione di 100mm che va a tetto, basta un foro a 15-20cm del piano di calpestio di 100 cm2??? o ne devo fare anche uno in prossimita del soffitto???
Il foro in basso serve per l'aria di combustione e va fatto sempre.
Quello in alto dovrebbe scongiurare l'accumulo di gas metano, quindi, anche se la 7129 sembra non ne preveda l'obbligo (ferma restando la cappa), io lo consiglio sempre.
Grazie del consiglio, è meglio essere sempre in sicurezza....

my_TT
Messaggi: 116
Iscritto il: gio giu 14, 2007 16:07

Messaggio da my_TT »

Kalz ha scritto: La 7129 e più specificatamente la 10845, dice che i condotti in sovrappressione o pressione positiva non devono essere all'interno dei locali abitati o addossati sulle pareti dei locali stessi
L'idraulico ha ragione, fermo restando che il cavedio ricavato deve essere areato alla base e alla sommità.
Questa cosa mi interessa molto perchè settimana scorsa mi hanno sottoposto un problema analogo, per cui sono andato a riverede la 7129 e la 10845.
La 10845 si applica agli agli adeguamenti degli impianti esistenti per cui credo che su un impianto nuovo non si applichi.
Sulla 7129 in merito non ho trovato nulla.
Mi sapresti dare ulteriori dettagli?
Grazie mille.

Kalz
Messaggi: 2320
Iscritto il: gio feb 01, 2007 12:09
Località: Umbria centrale

Messaggio da Kalz »

Sulla 7129 in merito non ho trovato nulla.
Mi sapresti dare ulteriori dettagli?

Tutte le norme per i camini parlano che le canne fumarie singole o non passanti all'interno dei locali o addossate agli stessi non devono funzionare in sovrappressione, la 7129 lo contempla, non ricordo piu' il punto, alla voce riguardante i camini e anche il Dlgs 152/06 per apparecchi superiori a 35 kW nelle prescrizioni dell'allegato IX

gsmetanotidaunamano
Messaggi: 93
Iscritto il: dom ott 21, 2007 10:23

Messaggio da gsmetanotidaunamano »

se mi concedete una domanda:
piano cottura 5 fuochi con termocoppia con tubo gas in acciaio + cappa aspirazione con scarico verso l'esterno
quante aperture occorrono e perchè?
grazie

Rispondi